Diritto Civile

Diritto civile

  • [I]L'espletamento di una consulenza tecnica, in via preventiva, può essere richiesto anche al di fuori delle condizioni di cui al primo comma dell'articolo 696, ai fini dell'accertamento e della relativa determinazione dei crediti derivanti dalla mancata inesatta esecuzione di obbligazioni contrattuali da fatto illecito. Il giudice procede a norma del terzo comma del medesimo articolo 696. 

  • Se v’è un aspetto dell’assicurazione Rca che sembra destinato a non dover trovare mai pace, questo è senza dubbio rappresentato dal tema della responsabilità ultramassimale dell’assicuratore. Interessanti, sul punto, sono le osservazioni di un “addetto ai lavori” quali il magistrato dott. Marco Rosetti che, prendendo spunto dalla sentenza della Cassazione civile sez. III, del 9 febbraio 2005 n. 263 ha cercato di portare chiarezza al dibattito, anche se da più parti si pensa che sia necessario un intervento delle Sezioni Unite.

  • La globalizzazione, che in maniera sempre più importante sta influenzando i mercati mondiali, improntati ad una sempre maggiore concorrenzialità, rende ancor più evidente la necessità di assicurare una tutela giuridica alle invenzioni industriali. Tutela, finalizzata a garantire un’esclusività di sfruttamento economico delle utilità da esse derivanti, che trova oggi, per mezzo del c.d. “brevetto internazionale”, la sua più ampia espressione.

  • Il sistema delineato dal Codice civile del 1942 si fonda sulla concezione dicotomica che distingue il danno patrimoniale, disciplinato dall’art. 2043 cod. civ., dal danno non patrimoniale, disciplinato, invece, dall’art. 2059 cod. civ., con la conseguenza per la quale il danno non patrimoniale potrebbe essere risarcito solo nei casi previsti dalla legge.
    L'elaborazione giurisprudenziale successiva, tuttavia, ha profondamente inciso su tale concezione, sia elaborando nuove tipologie di danno, sia, più di recente ridefinendo i contorni del danno non patrimoniale risarcibile.

  • La relazione dello Studio Legale Vivani & Marson pone in evidenza ed illustra i presupposti del cd. “danno da vacanza rovinata”, una particolare categoria di danno codificata dalla giurisprudenza e recentemente disciplinata, con riguardo ai servizi connessi all’acquisto di “pacchetti turistici” dal decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206 (“Codice del consumo”).